Indelible scars.

Un brivido percorse il mio corpo. La sua mano stava accarezzando delicatamente la mia schiena salendo fino alle spalle. Era così piacevolmente delicato che avrei voluto non finisse mai. Le sue dita sfiorarono il mio collo e sussultai. Volsi il mio sguardo al suo e notai che stava sorridendo. I nostri occhi si scrutarono a... Continue Reading →

Souls in contrast.

Il colore incontra una tela bianca. Una goccia cade e lo sfondo candido evidenzia la sua macchia. Un rosso scuro rinnova un velo morbido quasi trasparente. Tra le pieghe si riesce ad intravedere l'altra parte. Un'anima brilla di luce propria. Quasi accecante da quanto forte. La sagoma della ragazza dall'altra parte del velo è cosí... Continue Reading →

The dried rose.

Un sole caldo e consolatorio si preparava a nascere dall'orizzonte. Insipirai a fondo l'ultima parte di brezza notturna che restava, prima che il sole la riscaldasse. Pian piano il cielo inizió a colorarsi e una piccola pallina di luce salí tra le nuvole. Sarebbe stata una giornata senza tempeste ne venti. C'era solo il sole... Continue Reading →

Invisible.

Milioni di rose circondavano il mio fragile essere. Eravamo tantissime. Talmente tante da non riuscire nemmeno a contarci. Il mio piccolo mondo era pieno di mie simili. Ogni rosa era speciale a modo suo, e tutte insieme davamo vita a qualcosa di eterno e magnifico. Tutto quello che chiunque puó desiderare io lo avevo. In... Continue Reading →

An imperfect reflection.

Era inutile cercare di dimenticare quello che ero stata. Tutto il giardino intorno a me avrebbe fatto in modo che non lo dimenticassi mai. Rosa dopo rosa imparavo a conoscermi sempre meglio. Ogni di loro rifletteva una parte del mio essere. Ed a loro modo erano perfette, poiché ad ogni boccioli corrispondeva un solo aspetto.... Continue Reading →

Drops of sadness.

Una lacrima inizió a solcare il mio piccolo viso. Mentre cadeva giú per la guancia percepivo la sua pesantezza. Una tristezza molto profonda tagliava la mia anima. Senza che me ne accorgessi un temporale si era avvicinato al giardino. Tra tuoni e fulmini le prime gocce iniziarono a cadere. Cadevano ripetutamente sulle mie rose come... Continue Reading →

The hate that burns.

Le rose rosse rappresentavano quello che non ero piú, o almeno ció che non mostravo in modo cosí evidente. Alcune di loro erano la reincarnazione di ció che piú odiavo. E proprio loro iniziarono ad illuminarsi piú delle altre. Dall'alto sembravano le stelle piú luminose del mio cielo. Ma in realtà avevano improvvisamente preso fuoco.... Continue Reading →

Red roses.

Piccoli boccioli di rose color sangue nascevano, sotto il cielo stellato di un'amore appena sbocciato. Pian piano i petali si aprivano e sprigionavano tutta la loro fragranza al vento. Una distesa immensa di sangue, che attimo dopo attimo si disperdeva nell'aria , mostrando alla Luna tutta la sua lucentezza. I rovi che le avvolgevano rendevano... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito